Siamo 3 amici (due ciociari e una brasiliana) che hanno deciso di portare un po' della loro terra nella terra che li ospita da tanti anni: Roma.

E lo abbiamo fatto unendo i sapori genuini dell'agricoltura laziale col tocco esotico della frutta amazzonica (del resto, le radici sono importanti per tutti).

Da questo frullato e' nato: Vitaminas 24, il nostro laboratorio di ricette biologiche e frutta tropicale.

Abbiamo passato i primi due anni a ricettare a piu' non posso nel piccolo spazio take-away di Via Macerata, spacciando natura e vitamine dove altri spacciavano ben altro

(non a caso BIO C'E' e' la nostra bandiera).

Poi siamo cresciuti e abbiamo aperto uno spazio piu' grande in Via Ascoli Piceno 40-42.

Un locale interamente costruito con le nostre mani (e qua e là un po' si vede), piu' accogliente e con piu' tavolini (prima non ne avevamo nemmeno uno),

sorto sulle ceneri di una vecchia e storica macelleria del quartiere: quale posto migliore per un locale vegetariano?

Ecco allora che della vecchia insegna luminosa POLLI E ABBACCHI abbiamo tenuto soltanto tre lettere: BIO, e da quelle siamo ripartiti.

La nostra idea e' semplice, come le cose che facciamo, e parte da una parola: rispetto.

Rispetto per gli animali, che preferiamo lasciare pascolare, mentre noi mangiamo.

Rispetto per la terra, utilizzando materie prime biologiche e quindi coltivate senza intossicare il terreno.

Rispetto per l'aria, riducendo le emissioni di gas di scarico attraverso la filiera corta delle piccole aziende agricole biologiche della nostra zona.

Rispetto per i rifiuti che, grazie a piatti, bicchieri e posate in polpa di cellulosa, diventano tutti compost, cioe' concime.

Rispetto per i sapori (scusate se li mettiamo vicino ai rifiuti, ma lo facciamo solo qui), cucinando esclusivamente al vapore o al forno.

E rispetto per voi, mostrandovi la nostra cucina, indicandovi tutti gli ingredienti delle ricette che prepariamo e la loro provenienza.

"Sembra di stare nella cucina di un amico!", questo ci hanno detto. E questo volevamo sentirci dire.

Oltre a "buono questo!", naturalmente.

P.S. Scusate se non abbiamo utilizzato gli accenti ma la font non era d'accordo.

Li metteremo tutti sui sapori. Promesso.